mercoledì 19 giugno 2013

Mi sciolgo (sottotitolo: hai voluto la bicicletta?)

C’era un tempo in cui mi muovevo sempre in auto con l’aria condizionata a palla.
Ora è evidente che quando smaniavo per l’arrivo dell’estate non ho considerato:
1. che quei tempi sono andati e che ora al lavoro si va in bici, nonostante i 30 gradi all’ombra e l’umidità del 200%;
2. che il condizionatore di casa non funziona;
3. che in ufficio non c’è il condizionatore.
Tutto questo per dire che adesso credo di essere legittimata a lamentarmi per il troppo caldo.
Così, giusto per mettere le mani avanti con chi mi dice che non mi va mai bene niente.

3 commenti:

  1. Cooooosa? Cambia lavoro, di nuovo! :)

    RispondiElimina
  2. Senza aria condizionata al lavoro è da pazzi si va fuori di testa!!!

    RispondiElimina
  3. Tra le cose non considerate aggiungerei che in bicicletta, con la gonna, si rischia ogni tre per due di fare Marilyn dei poveri..o ancora peggio di fare un incidente perchè nel frattempo ci si teneva la gonna attaccata alla coscia...

    RispondiElimina