venerdì 16 novembre 2012

Qualcuno di cui sparlare

Non posso mancare mezzo pomeriggio che ecco che in studio arrivano le novità. La novità, nel caso di specie, è l’annuncio dell’arrivo di una nuova collega. Una culona, dicono. Una che, quindi, stando alle ricerche americane, avrà successo (anche se poi ci sono sempre le eccezioni che confermano le regole: tipo io).
Una  che, a quanto pare, viene da Milano e si porta appresso l’aria da so tutto io che vengo dalla città.
Una che, è già stato deciso (perché 10 secondi, per queste cose, sono più che sufficienti), per un po’ ci starà sulle palle. La chiameremo fase di studio… che tanto funziona così dappertutto, solo che qui, covo di vipere donne esaurite, lo sappiamo fare meglio.


UPDATE (Tanto rumore per nulla):  Non si è vista. Pare che abbia preso la broncopolmonite...Ok, giuro che non volevo. Che poi non è neanche di Milano poveretta.

24 commenti:

  1. ahahahah ma tutti gli ambienti di lavoro sono cosi simili... datele un chance... :-)

    RispondiElimina
  2. Laciamo perdere le persone su cui sparlare a lavoro................
    :)

    RispondiElimina
  3. eh come vi capisco...si sparla tra colleghi, anche di uffici vicini!!! :DD

    RispondiElimina
  4. Ahimè non posso fare a meno di immedesimarmi, e pensare poverina se questo è l'ambiente in cui deve lavorare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto inter-nos, noi qui si (s)parla tanto, ma alla fine siamo tutti contenti che arrivi qualcuno a darci manforte!

      Elimina
  5. e chè se viene dalla città è giusto il periodo di studio!!Poi vi tornerà utile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah beh, visto il periodaccio ci tornerà utile da subito! ;-)

      Elimina
  6. Ma magari alla fine è pure simpatica...ma noi donne siamo così: guardinghe e circospette.

    RispondiElimina
  7. poverina! Io sono stata esattamente questo (tranne la parte "culona": è l'unico punto sprovvisto di ciccia...) in questo studio...la tizia che viene da Milano, di cui il capo ha parlato in maniera lodevole già prima del mio arrivo e che per anni mi hanno etichettatta la milanese sottuttoio! Ti dirò, oggi, dopo 5 anni, forse (ma forse eh) inizio ad essere presa per quella che sono. Non ti credere, se ben scatenata poi sono supervipera anche io (in quanto donna). Ma solitamente la "milanese" che arriva, in una città che non sia Milano, non è mai vista bene. Non importa chi tu sia, anche se supersimpatica, al primo affronto, l'etichetta torna fuori! E sai una cosa? probabilmente guarderei anche io in modo circospetto una nuova collega milanese che arrivasse qui!!! in bocca al lupo a lei! :-) msbx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a te ti avrei subito vista benissimo invece, scommettiamo?

      Elimina
  8. Beh, non ve l'hanno presentata tanto bene. Spero per voi che si sbaglino.

    RispondiElimina
  9. ahahahahha belle prospettive eh:-)

    RispondiElimina
  10. uh poverina! speriamo che smentisca questa brutta nomea

    RispondiElimina
  11. E pensa che nel resto d'Italia invece sono i veneti quelli che vengono considerati "i so tutto mi"...;) parlo per esperienza personale..e diciamo pure che è un pò vero..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhè ma nel nostro caso è vero... ;)

      Elimina
    2. "so tutto mi e faso tutto mi" :D

      Elimina
  12. qualcosa contro quelle di Milano???? :-) gaia

    RispondiElimina
  13. Scusa?????? E non mi dici niente?????

    RispondiElimina
  14. Povera collega nuova..... dev'eser dura per lei...anche perchè come può starvi simpatica una che vi hanno presentato come la Milanese snob so tutto io???
    Meno male che ha un punto a suo favore... il culone magari la rende più simpatica!

    RispondiElimina
  15. hey hey hey allora intervengo in difesa della categoria "vengo da milano quindi so tutto io". =D

    RispondiElimina
  16. Magari diventerà la tua collaga-preferita:-)

    RispondiElimina
  17. E fu così che diventò la tua migliore amica... :D

    RispondiElimina